Nel mio ruolo di responsabile amministrativa mi trovo spesso a porre ai miei colleghi la questione dell'investire per avere un corretta ma soprattutto efficiente gestione amministrativa.

Solo con una gestione efficace l'azienda può essere produttiva e i benefici toccano più aree aziendali.

Il primo passaggio da fare è pianificare tool, attività, strumenti ad hoc per le esigenze specifiche dell'azienda. Una pianificazione allo scopo di migliorare e incrementare l'attività.

Spesso queste risorse sono già presenti all'interno della struttura aziendali sotto forma di strumenti digitali, analogici o nelle competenze delle persone.

Dagli strumenti di condivisione (dropbox, drive, slack, mail) agli strumenti di gestione e pianificazione (pipedrive, google documents) passiamo parte del nostro tempo a ritrovare informazioni disperse nei vari canali, a ricercare la password scordata, a ricordare dove possono essere ritrovate le informazioni.

La via più facile spesso è adottare un nuovo tool, magari a pagamento e magari in grado di integrare una parte dell'operatività.

Ho però la sensazione che questa non sia la corretta strada e soluzione definitiva?

La mia visione è che, per quanto gli strumenti digitali siano stati di supporto e abbiano aiutato nell'evoluzione, ne stiamo abusando e che spesso, uno strumento digitale progettato secondo logiche poco "usabili" porti con sè più svantaggi che vantaggi.

Contributi e commenti (0)

Nessun elemento presente.

Vuoi vedere altre discussioni?

Per partecipare attivamente è necessario farsi riconoscere, accedi o registrati anche con i tuoi account social.