Scade il 31 ottobre l’innovativa gara di appalto pubblico pre-commerciale con fondi POR FESR

Ultimi giorni per raccogliere la ‘sfida’ lanciata da Regione Lombardia al mercato, per sollecitarlo a ‘inventare’ un dispositivo medico per la prevenzione dell’infarto miocardico acuto. Scade infatti il 31 ottobre, alle ore 16, la gara europea di appalto pubblico pre commerciale per “la realizzazione di una innovazione tecnologia per la valutazione della fragilità della placca aterosclerotica coronarica”.

 

La gara, finanziata con fondi POR FESR 2014-2020, punta a favorire ricerca, crescita e occupazione.

 

UNO STRUMENTO INNOVATIVO

 

Si tratta di una procedura aperta, suddivisa in tre fasi con aggiudicazione multipla. È rivolta a imprese ed enti di ricerca, perché progettino e poi realizzino il prototipo di una soluzione, la cui necessità è stata evidenziata da strutture e medici del territorio. In particolare dall’ASST di Pavia, che della gara è stazione appaltante.

 

Regione Lombardia è partita infatti da un’analisi rigorosa e preliminare dei fabbisogni medici a oggi senza risposta sul mercato, una delle condizioni vincolanti della procedura di appalto pubblico pre-commerciale. Uno strumento innovativo: Regione non chiede prodotti o servizi disponibili, quanto la ricerca e lo sviluppo di soluzioni innovative, a partire però dalle indicazioni che addetti ai lavori hanno sottoposto all’ente pubblico nella fase di ricognizione dei fabbisogni. All’ente pubblico il compito di pagare la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione della tecnologia che dovrà soddisfare i fabbisogni indicati nel bando. Per imprese o enti poi un altro vantaggio significativo: potranno mantenere la proprietà intellettuale della scoperta.

 

UN AIUTO ALLA PREVENZIONE

 

In questo caso, i medici hanno rilevato come, a oggi, indagini cardiologiche complete non siano in grado di fornire informazioni per prevenire l’infarto miocardico acuto, una delle principali cause di decesso, legata nella maggior parte dei casi a un’ostruzione dell'arteria coronarica per la deposizione di un trombo su una lesione aterosclerotica ulcerata.

 

La carta del rischio conosciuta sovrastima l’alto rischio e sottostima invece il basso rischio. Da qui l’esigenza di trovare un parametro che possa predire cosa potrebbe succedere a un paziente portatore di una placca vulnerabile.

 

La conoscenza di questo parametro sarà utilizzabile da qualsiasi reparto di Cardiologia, con evidenti benefici: prevenzione e miglioramento della qualità della vita dei cittadini, riduzione dei costi a carico del servizio sanitario nazionale. Il dispositivo potrebbe essere impiegato in neurologia o chirurgia vascolare.

 

I FONDI

 

La gara prevede una durata dei servizi di R&S pari in tutto a 28 mesi. L’importo impegnato ai fini dell’aggiudicazione dell’appalto è pari a 2.460.655,7 euro (IVA esclusa). L’importo a base d’asta per la Fase I della procedura, relativa alla progettazione della Soluzione Innovativa oggetto dell’appalto, è pari, per ciascun concorrente, a 98.360,65 euro (IVA esclusa).

 

I RIFERIMENTI

 

Tutta la documentazione è disponibile sul sito di ASST di Pavia, in italiano e in inglese.

 

Di seguito il link diretto alla gara: http://www.asst-pavia.it/node/14436

 

Quesiti tecnici possono essere inviati all’indirizzo email gare@pec.asst-pavia.it

 

 

Vuoi vedere altre news?

Per partecipare attivamente è necessario farsi riconoscere, accedi o registrati anche con i tuoi account social.